Backup del sito fai-da-te

backup fai da teSe volete risparmiare sul backup per il vostro sito o per quello dei vostri clienti, è possibile, con un minimo di attenzione per non combinar pasticci, evitare di pagarlo al vostro fornitore di hosting e farlo da voi.

Poiché qui non faccio altro che trasmettere quella che è la mia esperienza, mi limito alle istruzioni per chi usi WordPress quale piattaforma ed abbia cPanel come pannello di controllo.

Il salvataggio del contenuto di un sito, raccomandato prima di ogni aggiornamento, consta di due azioni: il backup del database ed il backup dei file. Si può fare anche solo quello dei file, ma sappiate che non sarebbe completo: nel caso di un blog, perdereste tutti i post pubblicati.

Ecco allora i passaggi da seguire.

1 – Database

  1. Effettuate l’accesso a cPanel (solitamente tramite il sito del vostro provider, cioè il fornitore di servizi web)
  2. Nella sezione “Database” cliccate su “Database My SQL”
  3. In alto a sinistra, cliccate su “phpMyAdmin”
  4. Fate click sulla tab (linguetta) “Database”
  5. Non preoccupatevi se non capirete nulla di quello che la pagina vi presenta, voi cliccate sulla riga che contiene la password
  6. Comandate “Seleziona tutti”
  7. In alto sulla pagina cercate “Esporta”
  8. Salvate il tutto in una nuova cartella che dovrà contenere un riferimento temporale, qualcosa come “backup_051014” oppure “sito_ottobre2014”.

2 – File

  1. Scaricatevi Filezilla
  2. Apritelo e, se non lo conoscete, rimanete calmi: non è così difficile da usare come potrebbe sembrare ad una prima occhiata
  3. Compilate i campi in alto (Host, Nome utente, Password e Porta) consultando i dati che il provider vi aveva fornito al momento dell’acquisto dei servizi web
  4. Ora sul monitor avrete a sinistra il contenuto del vostro computer (locale) e a destra l’insieme delle cartelle del vostro spazio web (remoto)
  5. Selezionate ed aprite la cartella in locale (quindi a sinistra) dove volete inserire la copia dei file (sarà la stessa dove avete già salvato il database)
  6. Nella sezione di destra individuate la cartella che si chiama “www” e, con il drag and drop (in pratica, clicca e trascina) arpionatela e depositatela a sinistra
  7. Fatto! Ora, utilizzando un programma di compressione (come WinZip o WinRar), riducete il “peso” di questa cartella e magari copiatela anche su una chiavetta.
Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinby feather

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WordPress Anti Spam by WP-SpamShield